Cos'è un modello di business: concetto, esempi e caratteristiche

Diversi approcci per valutare le prospettive di un'idea e la possibilità di implementare il progetto nel suo complesso. Istruzioni dettagliate su come elaborare un'idea imprenditoriale utilizzando varie tecniche.

L'idea imprenditoriale stessa è solo l'inizio di un lungo viaggio. Senza testare questa idea nelle condizioni di mercato e preparare un piano per un ulteriore ridimensionamento, non avrà praticamente alcun valore.

Diamo un'occhiata a cosa è necessario fare per elaborare l'idea per le prospettive di ulteriore sviluppo.

Passaggio alla scrittura di un concetto di business

Sviluppare un concetto di business significa elaborare tutti gli aspetti importanti. Senza tale elaborazione, puoi contare solo sulla tua fortuna.

Il concetto di business include:

  • identificazione del pubblico di destinazione e delle sue caratteristiche;
  • studio dei concorrenti, dei loro vantaggi e punti deboli;
  • identificazione dei rischi e modi per ridurli al minimo;
  • identificare le opzioni per ulteriori sviluppi;
  • elaborare modi per attirare i clienti;
  • elaborare un meccanismo per la vendita dei prodotti.

In che modo un concetto di business è diverso da un business plan? È necessario un business plan per mostrare ai potenziali investitori quanto sia promettente un progetto o per ottenere un prestito bancario. Il concetto di business è preparato per la propria comprensione della situazione.

Passaggio Convalida idee

La convalida dell'idea è un modo per convalidare la validità economica della tua offerta. In primo luogo, elaboriamo un progetto MVP - prodotto minimo fattibile.

Essenzialmente, questa è una versione di prova iniziale del prodotto in grado di risolvere almeno uno dei problemi del cliente e ha il set minimo di funzionalità adatto al prodotto finale rilasciato.

Lo scopo del lancio di questa versione è verificare l'interesse del gruppo target. Il numero minimo di funzioni è necessario per avviare rapidamente un progetto con un investimento minimo di tempo, risorse e impegno. Dopo un periodo di prova di una simile versione di prova, capirai cosa manca al tuo prodotto e se vale la pena metterlo sul mercato.

Dopo l'MVP del progetto, puoi iniziare direttamente a convalidare il progetto, cioè a verificare quanto sia interessante il prodotto per il pubblico di destinazione, se è pronto a dare soldi per questo.

Quanto successo avrà il progetto? Scoprilo con una guida passo passo su come elaborare un'idea imprenditoriale utilizzando vari metodi.

Ho seguito un corso di Sberbank sull'imprenditorialità e nelle primissime lezioni l'oratore ha parlato di cos'è un modello di business e perché è importante. All'inizio non capivo perché fosse necessario, ma nel tempo la realizzazione è arrivata.

Alla fine dell'articolo mostrerò il modello di business che ho realizzato per il mio progetto.

Perché costruire un modello di business?

Sono guidato dalla regola di ciò che chiamate una nave, quindi galleggerà. Per prima cosa devi capire come lavorare e solo allora iniziare a implementare.

Se non costruisci un modello, ottieni un esempio della favola di Krylov "Swan, Cancer and Pike". Dove andare, qual è la cosa principale, come fare soldi, qual è il valore? Senza risposte, l'attività crollerà all'inizio.

Un modello di business a mio avviso è una rappresentazione di come funzionerà la tua idea o la tua attività futura. Diamo un'occhiata al mio esempio.

Come si legge questo modello? Molto semplicemente, blocco per blocco:

  • segmenti di clienti
  • proposta di valore
  • canali di vendita
  • relazione con i clienti
  • entrate flussi
  • risorse chiave
  • attività chiave successive
  • partner chiave
  • struttura dei costi
<

In questo articolo analizzerò i primi 4 blocchi, nella seconda parte analizzerò il resto dei blocchi. Secondo lo schema assemblato, lavorerò al mio progetto. Voglio e sarò impegnato nella creazione di presentazioni su misura di qualsiasi complessità e per qualsiasi scopo.

Segmenti di consumatori del primo blocco

Cos'è questo? E questi sono direttamente quelli con cui lavorerai. La cosa principale da capire qui è che se hai più segmenti di pubblico target o "segmenti di consumatori", devi separare i modelli di business per ogni segmento.

Esistono definizioni di segmenti più formali:

  • mercato di massa,
  • mercato di nicchia,
  • impresa diversificata (che serve diversi segmenti che differiscono tra loro),
  • segmentazione frazionaria (diversi segmenti simili tra loro)
  • piattaforme multilaterali (ad esempio, uno scambio freelance, un ordine, altri dipendenti)

Il concetto di "business" è piuttosto ampio e include relazioni commerciali, imprenditorialità, un campo di attività, determinati circoli della società, ecc. Molto spesso, la parola business riflette un'attività, il cui obiettivo finale è realizzare un profitto. Il sinonimo più vicino di "affari" in russo è "attività imprenditoriale". L'imprenditorialità è un'attività svolta in modo indipendente da entità registrate, associata a determinati rischi e finalizzata a trarre profitto da azioni quali la vendita di beni, l'utilizzo di proprietà, la fornitura di servizi e l'esecuzione di lavori.

In considerazione del fatto che imprenditorialità e business sono concetti sinonimi, possiamo distinguere allo stesso modo alcune caratteristiche inerenti ad essi:

  • Indipendenza: significa che il soggetto ha indipendenza nelle sue attività commerciali. Va notato che l'indipendenza in questo caso è suddivisa in organizzativa e proprietà. L'indipendenza della proprietà è inerente agli imprenditori la cui attività ha una proprietà separata come attività economica. L'indipendenza organizzativa è la capacità di un soggetto di prendere decisioni su tutte le questioni significative legate alla propria attività imprenditoriale.
  • Rischio. L'implementazione di qualsiasi idea imprenditoriale comporta dei rischi. I rischi imprenditoriali non sono solo un fattore negativo, ma anche un incentivo a sviluppare un piano aziendale in modo più chiaro e calcolare i metodi di business. I rischi aziendali dovrebbero essere intesi come il potenziale per l'inizio di una serie di eventi che hanno comportato conseguenze sfavorevoli per l'attività imprenditoriale e queste conseguenze includono non solo le perdite economiche e di proprietà, ma anche la perdita di reputazione aziendale, perdita di tempo e lavoro.
  • Guadagno sistematico. L'implementazione di qualsiasi piano aziendale mira a realizzare un profitto e, affinché un'impresa raggiunga prima o poi un livello di pareggio, tale profitto deve essere sistematico. Realizzare un profitto conferisce a un'impresa un carattere commerciale, che non viene perso anche se l'azienda subisce perdite in un certo periodo.
  • L'attività imprenditoriale si esprime nella vendita di beni, nell'esecuzione di lavori, nella prestazione di servizi o nell'uso di beni. Questa qualità dell'attività imprenditoriale è definita dalla legge, tuttavia, una definizione così ristretta è molto spiacevole, poiché non può coprire tutta la diversità dell'attività imprenditoriale, la cui varietà cresce solo nel tempo.
  • Una determinata proprietà di un'entità commerciale: deve essere registrata secondo le modalità previste dalla legge. Se un imprenditore svolge le sue attività senza un'adeguata registrazione, la sua attività è illegale e può rientrare nel Codice penale della Federazione Russa o nel Codice dei reati amministrativi della Federazione Russa. Pertanto, la registrazione statale è un prerequisito per lo svolgimento di attività commerciali adeguate.

Principi per fare affari nella Federazione Russa

Alcuni principi per fare affari nel territorio della Federazione Russa sono sanciti a livello legislativo. Per comprendere chiaramente come lo Stato sostiene e protegge l'attività imprenditoriale, è necessario presentare questi principi legislativi:

  • Libertà di business. Questo principio è stato sancito nella Costituzione della Federazione Russa e in altri atti normativi normativi. In base ad esso, ogni individuo ha il diritto di utilizzare liberamente le proprie capacità e proprietà per svolgere attività commerciali e altre attività economiche non vietate dalla legge.
  • Riconoscimento della diversità e dell'uguaglianza giuridica delle forme di proprietà: non è possibile stabilire privilegi per determinate forme di proprietà, lo stato protegge e riconosce in modo uguale tutte le forme di proprietà esistenti.
  • Spazio economico comune: merci, risorse finanziarie, servizi possono circolare liberamente sul territorio della Federazione Russa.
  • Libertà di concorrenza, restrizione delle attività monopolistiche. Lo stato non consente attività commerciali che monopolizzano una certa sfera economica e la concorrenza sleale. Questo principio mira a sviluppare un'economia di mercato adeguata.
  • Regolamentazione statale volta a raggiungere un equilibrio tra gli interessi privati ​​delle entità imprenditoriali, dello Stato e della società.
  • Principio di legalità. Durante la stesura e l'attuazione del tuo piano aziendale, dovresti essere guidato dal fatto che le tue attività devono soddisfare i requisiti degli atti normativi della Federazione Russa.

A seconda dei metodi di generazione del reddito e delle specificità dell'attività, si distinguono i seguenti tipi di attività:

1) Commerciale e commerciale. Il principale tipo di attività rappresentata sul territorio della Federazione Russa. L'imprenditore in questo caso non produce nulla, agendo solo come intermediario tra il produttore e il consumatore del prodotto. La base dell'imprenditorialità commerciale e commerciale sono le relazioni denaro-merce.

Le attività commerciali e commerciali sono più attraenti per gli imprenditori in fase di avviamento, poiché non è necessario creare una base di produzione, l'acquisto di beni è possibile a un prezzo molto inferiore rispetto alla sua successiva vendita, ma non dimenticare l'elevato livello di concorrenza, che non sempre ha un effetto positivo sull'entità del profitto.

2) Produzione. Un imprenditore da solo produce prodotti, esegue lavori e fornisce servizi, quindi li vende. Qualsiasi attività basata sull'idea di creare prodotti utili per i quali esiste una domanda e la cui realizzazione produce un profitto può essere attribuita all'imprenditorialità industriale.

Molti sognano di avviare un'attività in proprio, ma solo pochi lo fanno. Organizzare la propria attività è un compito molto difficile e richiede il passaggio attraverso una serie di fasi obbligatorie, inclusi aspetti psicologici, ideologici, concettuali, organizzativi e tecnici, di cui parleremo in questo articolo.

Autovalutazione

Ogni inizio richiede molto impegno, molto tempo, lavoro e, soprattutto, emozione. Inoltre, gli affari sono sempre carichi di rischi. L'atteggiamento psicologico ed emotivo è di particolare importanza. Avviando un'attività in proprio, è necessario essere preparati al fatto che potresti dover sacrificare rapporti familiari consolidati, stabilità finanziaria dal salario ricevuto, contatti amichevoli e legami personali.

Ma allo stesso tempo, devi essere sicuro di un risultato positivo e darti risposte chiare alle seguenti domande: Sono competente nell'area in cui intendo creare la mia attività? Quanto bene conosco le regole e le leggi del mercato? è in grado di assumersi dei rischi? Sono bravo ad andare d'accordo con le persone? Sono fermo nel processo decisionale? Ho abbastanza forza fisica e potenziale emotivo per avere successo nel fare affari? Pianifico e organizzo bene i miei affari? Quanto sono fiducioso del successo?

Certo, difficilmente è possibile dare risposte positive e ragionate a tutte queste domande con piena fiducia, ma è necessario sforzarsi di garantire che non ci siano risposte decisamente negative.

Idea imprenditoriale e business plan

Un'azienda inizia con un'idea imprenditoriale, che richiede una risposta alla domanda: quale tipo di attività dovresti scegliere? E ci sono molte difficoltà in questa materia.

Un'idea imprenditoriale è il potenziale e la necessità dell'autorealizzazione di una persona per risolvere i propri obiettivi soddisfacendo i bisogni degli altri.

Gli imprenditori spesso prendono un'idea già pronta e funzionante semplicemente guardandosi intorno, quindi la migliorano eliminando le carenze. In effetti, è relativamente affidabile, perché è più facile entrare in un mercato formato che formarlo da soli. Tuttavia, ciò che è redditizio, redditizio e sembra promettente oggi potrebbe perdere la sua rilevanza domani. Inoltre, a volte nella stessa nicchia e in condizioni molto simili, alcune persone ottengono un'attività redditizia e in via di sviluppo, mentre altre falliscono. È tutta una questione di competenze. Un potenziale imprenditore dovrebbe comprendere il campo di attività in cui intende organizzare la sua attività.

La migliore tipologia di attività è quella a cui il futuro imprenditore è particolarmente interessato, nonché quella per la quale sono già state formate determinate competenze.

Dopo aver sviluppato le idee, passano alla stesura di un business plan. Un business plan è un documento analitico che dovrebbe contenere le seguenti informazioni:

  • caratteristiche dei prodotti o servizi (valutazione dei loro vantaggi e svantaggi);
  • valutazione del mercato;
  • previsione dei volumi di produzione, vendita di beni e servizi;
  • la necessità di attrezzature, materie prime, personale, finanziamenti;
  • strategia di marketing;
  • struttura organizzativa dell'impresa;
  • politica finanziaria, previsioni di entrate e uscite;
  • analisi dei rischi.

Un piano competente non solo faciliterà notevolmente l'attuazione del processo di avvio di un'impresa, ma aiuterà anche ad attrarre sostegno finanziario da istituti di credito e investitori, poiché consente di valutare le prospettive dell'azienda.

Concetto di modello di business

Per descrivere brevemente l'essenza del modello di business, vale la pena notare che si tratta di una rappresentazione semplificata, schematica e concettuale del flusso dei processi aziendali. Questo concetto nasce in risposta alle numerose sfide della nuova realtà economica emersa alla fine del XX secolo. Sempre più nuovi arrivati ​​si sono avvicinati all'attività e non avevano il tempo, i soldi e le conoscenze per sviluppare strategie di sviluppo profonde, avevano bisogno di strumenti efficaci e veloci per massimizzare i profitti. E il modello di business è un modo chiaro e visivo per vedere tutti i componenti del caso e trovare punti di sviluppo e aumento della redditività.

Approcci alla definizione di un modello di business

Il termine "modello di business" è apparso per la prima volta in opere di economia negli anni '40 del XX secolo. Ma poi non si è diffuso, per molto tempo è stato utilizzato in combinazione con il concetto di strategia aziendale. Non è stato fino agli anni '90 che i modelli di business sono diventati popolari in relazione al concetto di business online. Successivamente, il termine è entrato organicamente nel lessico di manager ed economisti in vari campi, non solo online. Esistono due approcci principali per formulare una definizione di un modello di business. Il primo è associato a un'enfasi sul flusso dei processi produttivi in ​​azienda ed è finalizzato a trovare le riserve interne dell'azienda per profitti aggiuntivi. Il secondo approccio è legato all'ambiente esterno dell'azienda, in particolare, con il consumatore e le sue esigenze e valori. In questo caso, l'azienda sceglie un segmento di consumatori, sviluppa un acquirente, stabilisce una relazione con lui. Ci sono anche molti concetti dell'autore, ognuno dei quali formula la propria interpretazione di questo concetto. Nella sua forma più generale, possiamo dire che un modello di business è uno strumento analitico che, in una forma schematizzata e visiva, descrive tutti i processi in un'azienda e aiuta a trovare punti per realizzare un profitto.

Crea obiettivi

L'obiettivo principale della creazione di un modello di business è trovare un modo per sviluppare l'azienda. Aiuta a identificare i vantaggi e le differenze competitive dell'impresa ea valutare nuovi processi di business. Inoltre, il modello di business consente di determinare la necessità di apportare modifiche ai modi già familiari dell'esistenza dell'azienda al fine di massimizzare i profitti. Inoltre, la modellazione aiuta a identificare i punti deboli dell'azienda ed eliminare le vulnerabilità. Il modello di business è un valido strumento per valutare l'efficacia dei processi produttivi e dell'organizzazione gestionale. Fornisce una visione olistica delle attività dell'azienda e dello stato dell'ambiente interno, migliora il flusso di tutti i processi.

Modello di business e strategia aziendale

Non è raro trovare i termini "modello di business" e "strategia aziendale" usati in modo intercambiabile. O anche la strategia viene presentata come elemento costitutivo del modello. Tuttavia, ci sono serie differenze tra questi fenomeni. La strategia si basa su un'analisi completa dell'ambiente esterno e interno dell'azienda e sulla formulazione di obiettivi a lungo termine. E il modello di business è associato a obiettivi relativamente simili, è piuttosto una tattica, poiché fornisce risposte specifiche alle domande su come raggiungere gli obiettivi. Il modello di business del progetto include una serie di azioni necessarie il più vicino possibile alla realtà attuale. È più strettamente correlato alla sfera finanziaria dell'azienda. La strategia, in misura maggiore, definisce la direzione dello sviluppo dell'azienda, ha molte meno specifiche. La sequenza di pianificazione ottimale è lo sviluppo di una strategia e, sulla base di essa, la creazione di un modello di business. In questo caso, la strategia è una piattaforma ideologica per la modellazione.

Componenti

Poiché il panorama aziendale è estremamente diversificato, ci sono molte opzioni per i modelli di business. Teorici e professionisti trovano approcci diversi per definire questo fenomeno e identificare diversi set di componenti in esso. Quindi, ci sono molti sostenitori del punto di vista che il modello di business di un'organizzazione include componenti come la struttura organizzativa e del personale, le risorse, i processi aziendali, le funzioni dell'organizzazione, la strategia aziendale e i beni e servizi prodotti. Il modello di business plan generalizzato comprende le seguenti componenti: analisi del mercato e della concorrenza, struttura organizzativa, marketing, produzione, piani finanziari, valutazione del rischio, base giuridica. Tuttavia, questi concetti non sono del tutto modelli di business. Il modello di business più popolare di Osterwalder ha 9 componenti principali: segmenti di clienti, relazioni con i clienti, canali di distribuzione, supply chain, risorse, core business, partner chiave, struttura dei costi e flussi di entrate. Di seguito considereremo questo modello in modo più dettagliato. Tradizionalmente, il modello di business oggi include blocchi come il consumatore, il prodotto, il marketing, i fornitori e i produttori, la finanza, i concorrenti, il mercato, fattori di influenza non economici.

Fasi della costruzione di un modello di business

Qualsiasi modellazione inizia con una valutazione della situazione attuale e la formulazione degli obiettivi. Inoltre, la costruzione di modelli di business è associata alla scelta di un modello adatto e al suo riempimento competente. Osterwalder, il principale ideologo mondiale dei modelli di business, afferma che il processo di "progettazione" prevede cinque fasi principali:

- Mobilitazione. In questa fase, è necessario condurre una ricerca preparatoria, valutare le risorse, delineare gli obiettivi e, soprattutto, riunire la squadra necessaria.

Používáme cookies.
Cookies používáme, abychom zajistili, že vám poskytneme nejlepší zkušenosti na našich webových stránkách. Pomocí webových stránek souhlasíte s naším využitím cookies.
Povolit cookies.